A pochi passi...

Benvenuti a Viggiano, il paese dai mille volti

viggiano" Il paese non è grande, ma nemmeno piccolo; l'aria ottima; pittoreschi i dintorni; le rovine di Grumentum a pochi passi; arpeggiamenti per tutto che fanno di Viggiano l' Antissa della Lucania". Giovanni Pascoli nel luglio del 1884 fu qui inviato quale commissario d'esami per la scuola ginnasiale, e così descrisse Viggiano in una lettera inviata il 26 luglio 1884 al " Suo professore" Giosuè Carducci.

Posta a 1023 metri di quota nel massiccio del Volturino, vide nascere il primo agglomerato urbano intorno all'eremo di Santa Maria la Preta, del quale rimangono le rovine su un costone di roccia. I monaci basiliani diffusero tra le genti lucane il culto mariano portato dall'oriente.
Nello stemma comunale campeggiano le tre torri del castello angioino che dominava il paese e di cui restano pochi ruderi. Nella parte più antica il paese mostra ancora il suo cuore medievale tra vicoli stretti e appesi, con scale, archi e sottopassi e meravigliosi portali in pietra con chiavi di volta decorate da scalpellini locali, raffiguranti il mestiere del padrone di casa. Di straordinario fascino la Villa Sanfelice appartenuta ai marchesi Sanfelice di Monteforte, Principi di Viggiano dal 1891, e da poco restaurata.

madonna viggiano 1 small aViggiano è la Patria della Madonna Nera, Regina e Madre delle genti lucane. La statua lignea, databile intorno al XII°-XIII° secolo, da settembre a maggio è custodita nella Chiesa di Santa Maria del Deposito, chiesa che, elevata da Paolo VI a BasilicaPontificia Minore, conserva al suo interno preziose opere d'arte. Nella prima domenica di maggio la Patrona delle Genti Lucane, con una suggestiva e affollatissima processione, è portata a spalle nel Santuario sul Sacro Monte a 1725 mt di quota, edificato nel XIV° secolo sul luogo in cui fu trovata da alcuni pastori la sacra immagine. Nella prima domenica di settembre tra ali supplicanti e festanti di fedeli provenienti da tutti i paesi lucani e da quelli delle vicine regioni la venerata statua fa il suo trionfale ritorno in paese.

Tra le altre chiese presenti si rivelano interessanti: la chiesa di Sant'Antonio, tempio del convento francescano antecedente al XVI secolo e la chiesa di San Sebastiano che conserva un polittico settecentesco con storie della vita del Santo con cinque tele attribuite a Carlo Sellitto.

Nelle vie del paese antichi portali con bassorilievi riproducenti arpe e violini, strumenti musicali di cui il padrone di casa era maestro, testimoniano la presenza, tra i secoli XVII° e XIX°, di straordinari liutai, costruttori di strumenti musicali di grandissimo pregio.

arpa


Arpisti e violinisti nel XVIII secolo si spostarono per allietare le corti europee e raggiunsero anche l'America. A loro è dedicata la scultura bronzea di Pasquale Monaco, l'arpista, collocata all'ingresso del complesso scolastico. Solo una visita a Viggiano permetterà agli appassionati di conoscere i segreti dell'arpa diatonica.

Viggiano è da sempre il centro di importanti iniziative culturali ed eventi d'eccezione. Festival internazionali, ospiti d'eccezione e incontri con l'arte: l'appuntamento con la cultura si rinnova ogni mese!

RASSEGNA DELL'ARPA VIGGIANESE

" Ho l'arpa al collo, son Viggianese, tutta la terra è il mio paese "

Un connubio assolutamente sorprendente tra musica popolare e musica colta, tra musicisti di strada e virtuosi interpreti di orchestra, tra artigiani del legno e liutai raffinati, tra esecutori ad orecchio e compositori eccelsi.


CONCORSO & FESTIVAL INTERNAZIONALE DI FLAUTO " LEONARDO DE LORENZO "

Leonardo De Lorenzo: un flauto nell'olimpo della musica.

Da Viggiano a Los Angeles, una scuola specificatamente italiana, di grande valore e tradizione.

www.viggianoinmusica.it

VIGGIANO JAZZ

Il Jazz dalle radici popolari alla sua intima natura.

Una indagine tra i sempre più labili confini dei linguaggi espressivi, vocali e strumentali.

www.viggianoinmusica.it

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO SCHEGGE

Cinema tra documentazione, racconto, memoria e futuro.

Il linguaggio affascinante del cinema, in grado di veicolare la parte più profonda e radicata della comunità, che fa di Viggiano e delle sue tradizioni un polo di importante riferimento culturale.

 

RASSEGNA DELLA ZAMPOGNA E DELLA CIARAMELLA DEL SUD-ITALIA

La musica natalizia suonata con la zampogna e la ciaramella, strumenti musicali degli zampognari, che qui è possibile ammirare in tutte le loro varianti.
Si tiene l'ultima domenica dell'Anno

Viggiano è anche la Meta ideale per un Weekend tra Natura e Sport in Val d'Agri!

Tante le attrattive, ad iniziare dagli itinerari escursionistici lungo le vie e i sentieri più interessanti della zona come l'ascesa alle Serre che collegano il Volturino con la Montagna di Viggiano e la salita al Monte Raparo, tra copiose foreste di cerreta e ampie balconate panoramiche sulla Valle, ad un "tuffo" nel meraviglioso richiamo della natura, alla scoperta del grande parco naturale "Fontana delle Brecce" a Marsico Nuovo. Il Parco, uno dei punti di maggiore interesse ambientale, è rappresentato dalla faggeta, esteso per 2 mila ettari da sentieri naturali e collegata alla località Piana del Lago, dove il viaggiatore oltre a fare una sosta in un'area attrezzata con fontanili e risorgive di grande purezza, può immergersi nel verde dei boschi e distese di prati.

arrampicata viggianoPer gli amanti del benessere e del relax, una passeggiata in riva al Lago del Pertusillo è l'ideale per soste pic – nic e birdwatching alla scoperta dell'oasinaturalistica. In alternativa, invece, per un escursione più adrenalinica , c'è l'emozione dell'arrampicata sportiva, con l'imbarazzo della scelta tra tre pareti di roccia calcarea nei comuni di Marsico Nuovo, Marsicovetere e Viggiano, dalle cui cime si aprono panorami mozzafiato. La parte di pietra Maura a Marsico Nuovo, un ampio costone di roccia calcare a circa 1000 m s.l.m, sul monte Volturino a Marsicovetere troviamo il masso del Brigante e infine a una quota più accessibile, 800 metri sul livello del mare, troviamo la parete della Montagna Grande di Viggianoscalabile con le sole placchette, una corda superiore a 40 metri e 10 rinvii.

neve viggianoPoi lo sci di fondo o lo sci alpino che trova, nei crinali e nelle vallate del Monte Volturino e della Montagna Grande di Viggiano, discese emozionanti e tracciati sorprendenti tra bellissime faggete, entrambi dotati di modernissimi impianti di risalita. Ma non solo sci anche escursioni con le ciaspole e il nordic walking, le discese in bob o con il "tubing" e sulla Montagna Grande di Viggiano, grazie agli impianti d'illuminazione, discese in notturna.
Ai più avventurosi la Val d'Agri offre inoltre arrampicate e free-climbing tra le balze del Monte Volturino e le creste della Montagna di Viggiano e voli inparapendio intorno al Monte Volturino e al Raparo.

parco avventura

E per chi ha voglia di fare un'attività divertente come salire sugli alberi in tutta sicurezza e vedere il mondo da un'altra prospettiva, il "Parco Avventura", "anima" del paese di Viggiano, regala a grandi e piccini una serie di iniziative all'aria aperta come i percorsi sospesi tra gli alberi con ponti tibetani, reti, trabocchetti e teleferica finale. Info: Parco Avventura di Viggiano: Via Nicola Sole 85059 Viggiano(PZ)/ Tel:333.4932893

Viggiano offre anche la possibilità di visitare il Museo delle Tradizioni Popolari e il Museo del Lupo situato sulla Montagna Grande.

Sei qui: Home Viggiano, il paese dai mille volti

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo vedi la nostra cookie policy.

Accetto i cookie da questo sito.